martedì 8 gennaio 2019

Una classe su quattro al freddo

C’erano una volta quattro aule.
Tre più una.
Ovvero, quattro meno tre.
Il che equivale alla sola che resta.
Al freddo...
Già, perché pare che in questo racconto fosse la sola privata del necessario calore.
Con l’inverno nel pieno del suo gelido furore.
Le stanze costrette a temperature prossime allo zero.
E i corridoi dall’una all’altra trasformati in celle frigorifere.



Di conseguenza, immaginando tale inaccettabile scenario nella capitale di un paese che or ora si fregia di esser finalmente governato dai cittadini che hanno a cuore le esigenze della gente, del popolo reale, c’erano altresì una volta centinaia di giovani studenti privati del diritto allo studio, obbligati a restare a casa, con tutte le relative inaspettate difficoltà dei genitori con i rispettivi impegni lavorativi.
C’erano una volta, quindi, le promesse e le chiacchiere da social.

Somma, dividi, moltiplica e quel che resta sono il freddo e le scuole senza termosifoni...

Secondo l'associazione nazionale presidi una su quattro delle aule romane si trova al gelo, con inevitabile prolungamento forzato delle vacanze natalizie.

Leggi anche Storie e Notizie
Seguimi anche su Facebook, Instagram, Twitter

Un atto di guerra contro il mondo

C’era una volta un atto di guerra.
Così come è stata definita la presenza della polizia da parte dei leader indigeni e tutti coloro che stanno in questo momento manifestando contro l'espansione del progetto dell'oleodotto Kinder Morgans dal Texas fin nella Columbia Britannica, in Canada.



Un atto di guerra molteplice, in un esercizio di stili e accezioni senza fine.
Banale, un atto di guerra contro l’ambiente.
Consequenziale, ovvero un atto di guerra contro flora e fauna.
Ragionevole, un atto di guerra del passato contro il futuro.
Filosofico, un atto di guerra contro l’orizzonte comune.
Poetico, un atto di guerra contro i figli prediletti di madre natura.
Semantico, un atto di guerra contro la pace.
Minimale, un atto di guerra contro tutti.
Logico, un atto di guerra dei pochi contro i molti.

Lotta di classe, un atto di guerra dei difensori dei ricchi.
Paradossale, un atto di guerra del fuoco contro l’acqua.
Déjà vu, un atto di guerra degli arroganti invasori contro i nativi.
Personale e universale, nonché conclusivo, un atto di guerra contro di te che leggi, se umano ancor ti senti.
 

Leggi anche Storie e Notizie
Seguimi anche su Facebook, Instagram, Twitter

giovedì 13 dicembre 2018

Noi siamo acqua

C’era una volta il fuoco che mira a cancellare possibilità.
Cambiamento.
Nuovi orizzonti e migliori prospettive.
C’era una volta, difatti, le fiamme che hanno distrutto buona parte del deposito di una commissione elettorale a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo.
Un attentato guidato dall’ottuso odio alimentato da cieca rabbia e incontenibile paura innanzi alle storiche elezioni presidenziali in grado di permettere la prima transizione democratica del governo del paese.
Ebbene, il popolo che non si arrende ha un nome ed è l’ideale alla bisogna.
Acqua.
Noi siamo acqua.


storie con morale
Sostenitori del partito di opposizione al governo mostrano un proiettile usato contro i manifestanti
Di fronte al vile che osteggia diritti e libertà comuni.
Innanzi agli iniqui difensori dei privilegi riservati ai pochi.
Al cospetto dei terrorizzati dittatori.
Noi spegniamo fuochi e inondiamo il mondo di futuro...

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 6 dicembre 2018

Ritratti di umanità

Una singola foto, spesso, dice più di un intero, accorato discorso.
E, qualora le immagini siano particolarmente suggestive, le parole non possono far altro che limitarsi al rispettoso, didascalico ruolo.
Ritratti di umanità...

Foto di Charlie Clift /1854 Media
 
Foto di Michele Zousmer /1854 Media

Foto di Mohammad Rakibul Hasan/1854 Media
 
Foto di Alfio Tommasini/1854 Media


Foto di Biljana Jurukovski/1854 Media

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 29 novembre 2018

Scuole e Notizie violente

C’erano una volta gli insegnanti violenti.
Come il maestro d’asilo arrestato a Pero, comune nella città metropolitana di Milano, ritratto nei video girati a sua insaputa in almeno 42 atti brutali nei confronti dei bambini a lui affidati.
C’era una volta il Comune di Pero, il quale riconosce la gravità del fatto, ma... "No a processi di piazza."
Già, no a processi, punto, a meno che non si tratti dell’aula di un tribunale.
È giusto, lo è.
Nonostante, secondo l’Osservatorio Nazionale Adolescenza, grazie a un’indagine concentrata nell’anno scolastico 2016/2017 su un campione nazionale di 8.000 adolescenti dai 14 ai 19 anni, il 20% di loro abbia dichiarato di essere stato maltrattato, denigrato o addirittura insultato da una maestra o un professore nel corso della propria intera permanenza a scuola.
Perché a fronte di 2 su 10, ce ne sono 8 il cui insegnamento è in mano a persone che ogni giorno svolgono con impegno e dedizione il loro fondamentale lavoro.
Altrimenti, qualcuno potrebbe sentirsi in diritto di affermare che tutti gli insegnanti sono violenti.
Qualcun altro potrebbe supportare tale menzogna manipolando i dati reali, bombardando quotidianamente la stampa, i social e i talk show con il solo scopo di usare i docenti di questo paese per creare appositamente un nemico virtuale e generare paure prive di fondamento negli studenti e nei genitori.
Indi per cui, malgrado sia ormai evidente dove questa storia voglia andare a parare.
C’erano una volta i migranti...

Leggi anche Storie e Notizie

lunedì 19 novembre 2018

Storie con morale sulla guerra e suoi costi

Provo a donar parole alle immagini*, per restituire il regalo dell’occhio di colei che fa cronaca con passione e storia con impegno.
Il costo della guerra


Il costo della guerra è il silenzio bramato che si fa paradiso tra un inferno e l'altro...

Il costo della guerra è l'illusione di una casa che si fa famiglia dove per il resto del mondo c'è il nulla... 
Il costo della guerra è ritrovarsi in viaggio rimanendo immobili e rimanere tali di fronte a chi vorrebbe vederti partire contro la tua volontà...

Il costo della guerra è rimanere soli, in quel viaggio, ma con il coraggio di prendere il timone rimasto vacante...

Il costo della guerra è ritrovarsi di fronte alle diavolerie dei folli che giocano dall'alto con la tua vita e continuare a non capirne il senso...

Il costo della guerra è vivere il resto dei tuoi giorni in attesa di chi non tornerà...

Il costo della pace è invece far sì che tali speranze non rimangano per sempre vane...

Leggi anche Storie e Notizie

*Foto di Lynsey Addario

giovedì 15 novembre 2018

Oggi contro il domani

Oggi contro il domani.
È il moderno scontro, l’ultimo.
La contesa tra due narratori sulla stessa scena, di mutevole ambientazione – parola quanto mai azzeccata - che sia la volta celeste, piuttosto che ogni angolo rimasto in gioco sulla nostra madre terra.
Due storie contrapposte vengono quotidianamente raccontate all’umano spettatore.
Ma anche lettore, soprattutto elettore, e più che mai consumatore.
Pensa all’oggi, ripete incessantemente uno, vivi e dissipa senza risparmio il carburante vivente che ti è stato dato in dote dall’industriale divinità che tu stesso hai creato.
Fai il pieno di derivati acceleranti il tuo cammino sulla via, sotto forma di un’ineludibile fuga dall’innocenza primigenia.
Cancella ogni dubitante ostacolo dalla corsa, poiché il premio consiste nello sfrecciare senza sosta evitando di voltarsi indietro. E se qualcuno avesse l’inopportuna invadenza di paragonarti a una saettante triste cavia da laboratorio, be’, forse a ragione, ma alla fine della fiera non ci siamo comunque divertiti? No? Ebbene, poco male, perché tanto dopo il termine del viaggio non avrai altre occasioni per raccontarlo.
Al contempo, sull’altro lato del palcoscenico, l’antitetica storia va in onda.
Ricorda il domani, cantilena tenace la voce, rammenta che ogni ragione capace di rendere nobile l’azione qui e ora poggia le proprie fondamenta nel futuro.
Seminare è gesto folle qualora privi del seppur minimo atto di fede nel frutto che verrà.
Nondimeno, tale impavida quanto altruista scelta non può aver luogo senza l’aiuto dei soli angeli custodi che la natura potrà mai offrirti.
Puoi chiamarli aria pura, acqua pulita e terra fertile, se preferisci, ma ancora oggi rappresentano l’unico miracolo che non ha mai avuto bisogno di prove.
Ecco, questo è l’attuale conflitto.
La danza che trascina l’intera umanità sui lati opposti del mondo.
Due racconti mormorati o gridati di continuo nella nostra coscienza.
Ma solo uno di essi permetterà all’oggi di diventare il domani.


Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 1 novembre 2018

Cinque doni da proteggere

C’erano una volta cinque doni.
Cinque ricchezze inestimabili da curare e proteggere.
Altrettante perfezioni viventi che, secondo uno studio dell’Università di Queensland e della Wildlife Conservation Society, da poco pubblicato sulla rivista Nature, si trovano rispettivamente in Australia, negli Stati Uniti, in Brasile, in Russia e in Canada.
Ovvero, i cinque custodi a cui sono state affidate le restanti regioni selvagge del mondo.
Nondimeno, si sa come sono spesso i custodi di sublimi presenti, laddove il tempo passi e la memoria vacilli.
Finiscono sciaguratamente per ritenerli scontati e trascurarli.
Arrivando addirittura ad arrogarsi il merito di siffatto regalo, invece che prendersi in carico la preziosa responsabilità.
Trattasi del nostro tradimento peggiore.
Perché c’è stato un giorno in cui la terra ha fatto un patto con le creature che ospita e in esso c’è inciso un inviolabile comandamento.
Umanità, disse il pianeta, sarai padre e madre esattamente come me.
E come tali dovrai amare e difendere con la vita stessa i tuoi e i miei figli.
C’era una volta quindi un dovere per tutti, nessuno si senta escluso.
C’erano una volta i doni che ci restano.
Manteniamo la promessa e facciamo sì che domani ci saranno ancora.
 

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 25 ottobre 2018

Le parole giuste

C'erano una volta la missione degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite e il suo desiderio di eliminare la parola "genere" dai documenti sui diritti umani.
C'era una volta, difatti, l’obiettivo di sostituirlo con il termine "donna", a quanto pare una conseguenza del piano del presidente Trump di cancellare le creature transgender dalla faccia della terra.
Indi per cui, c’erano una volta le parole giuste per il dizionario neofascista.
Laddove ti capitasse di dire buon cittadino, dovresti pensare a un signore dalla carnagione candida e il portafogli gonfio.
E allorché dovessi immaginarti un individuo indigente, o al peggio criminale, avresti l’obbligo di disegnare nella tua mente un immigrato, ovvero qualcuno di origine africana.
Qualora volessi figurarti una famiglia normale, dovresti pensare a papà, mamma e figli tutti biondi e sorridenti, e a una cameriera nera, in caso di bisogno.
E se mai ti trovassi a considerare un perfetto esempio contrario, dovresti solo cambiare il colore della pelle e la qualità del vicinato.
Quindi, se leggerai missione di pace, sarà guerra, e se ascolterai gridare guerra, sarà proprio così, ma sarà anche troppo tardi per fuggire dall'incubo.
Perché ogni dittatura, forte o morbida che sia, ha bisogno di leader e soldati, ma dovrebbe anche sapere come diffondere le solite, vecchie o nuove parole giuste...

Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 18 ottobre 2018

Sette rimedi per il riscaldamento globale

Ecco alcuni suggerimenti per dare il proprio contributo contro il riscaldamento globale:

1. Non comprate mai qualcosa di nuovo fino a quando quello vecchio non sia rotto del tutto, compresi i vestiti. In questo modo ridurrete la domanda di materiali, il loro trasporto intorno al pianeta e l'inquinamento, dal momento che finiranno in una discarica.

2. Sbarazzatevi della lavastoviglie: spreca energia e acqua.

3. (Qualora possiate permettervelo) Create un giardino - o contribuite affinché venga realizzato – e aiuterete a prevenire le inondazioni.

4. In caso viviate in una città, perché avete bisogno della macchina? Prendete i mezzi pubblici, andate in bicicletta o camminate. Noleggiate un'auto quando andate in vacanza.

5. Spegnete tutte le luci prima di coricarvi.

6. Comprate prodotti locali; abbatterete così chilometri di cibo in viaggio.

7. Persuadete i vostri vicini a far lo stesso.

 Leggi anche Storie e Notizie

giovedì 4 ottobre 2018

C’erano una volta gli animali

C’erano una volta gli animali.
C’erano una volta uno squalo, un elefante e un rinoceronte.
C’erano una volta… e poi, come andava avanti?
Ah, già, tanto tempo fa, in una terra lontana c’erano gli squali.
Ricordi, gli squali?
Ogni anno 100 milioni.
270 ogni giorno.
Più di 10 all’ora, oggi, ne vengono uccisi, principalmente per le pinne.
E gli elefanti? Rammenti gli elefanti?
Da gennaio a dicembre in 20mila.
Quasi 1700 al mese.
Uno ogni 25 minuti, in questo momento, vengono massacrati per l’avorio.
Il rinoceronte? Hai presente il rinoceronte?
Più di 1000 ogni anno solo in Sudafrica.
Quasi 3 al giorno vengono affogati, adesso.
Lo stesso accade a molte altre specie e misurando l’orribile sterminio in termini umani è come se dal 1970 a oggi avessimo perso l'intera popolazione dell'Asia.
C’erano una volta, quindi, lo squalo, l’elefante e il rinoceronte.
Già, tanto tempo fa, in una terra lontana.
C’erano...


Leggi anche Storie e Notizie